Terzigno, la lettera di Pasquale alla figlia: «Amo tua madre, un giorno capirai»


4963

«La separazione fa stare male, non va più bene. Un giorno capirai quello che succede, quando ti farai grande». Lo ha scritto Pasquale Vitiello alla figlia di 9 anni in una lettera trovata tra le 20 nella sua casa. Ha lasciato messaggio per tutti, amici e parenti, prima di impugnare la pistola e uccidere la moglie 31enne Imma Villani e poi suicidarsi nel casolare poco lontano dalla scuola di Boccia al Mauro dove aveva ammazzato la donna.



Il rudere dove è stato trovato il corpo di Pasquale Vitiello

Nella lettera continua: «Vivo una profonda ingiustizia e questo mi fa stare male perché voglio molto bene a tua madre» un’altra considerazione. E ancora: «Purtroppo, siamo arrivati a questo punto senza sapere neanche come, la separazione è una cosa che mi fa soffrire, che non si può accettare. Ho subito un torto, l’unica cosa è farsi giustizia da soli».

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE