Una rapina è stata messa a segno ai danni di uno studio legale nel Vesuviano: tre persone, travisate, hanno fatto irruzione con pistola alla mano in uno studio di avvocati in via Amendola a Portici, e dopo aver rinchiuso in uno sgabuzzino i presenti, hanno rovistato nelle stanze alla ricerca di denaro. I banditi hanno portato via trecento euro, un orologio e un telefono cellulare. L’episodio è stato denunciato al commissariato della Polizia di Stato Portici – Ercolano.

«Un atto di violenza inaudita ha colpito me ed i miei colleghi di studio, una rapina in pieno giorno a mano armata consumata in modo cruento con pistola alla tempia di un collega e conclusa con il sequestro dei presenti nello sgabuzzino dello studio», scrive sul suo profilo Facebook l’avvocato Melania Capasso, conigliere comunale. «Sottratti soldi e beni di non ingente valore a fronte di un immenso rischio. Pronto l’intervento della polizia di stato e del reparto della scientifica. Fiduciosa dell’operato delle forze dell’ordine ritengo di sostenere alla luce di quanto accaduto che la sicurezza sia una tutela irrinunciabile per me e per i miei concittadini siano essi professionisti che lavoratori», scrive ancora Capasso.