Rapinò e colpì al volto prostituta: processo per il sangiuseppese riconosciuto dalla “squillo”

2679

Rischia il processo dopo la richiesta di rito immediato presentata dalla procura G.M., di San Giuseppe Vesuviano, accusato di aver aggredito una prostituta nella zona del mercato ortofrutticolo a Pagani. Secondo le indagini, l’uomo, attualmente sottoposto al divieto di dimora nella provincia di Salerno, prese di mira una donna, provando a rapinarla. L’imputazione riguarda una rapina commessa contro una ragazza albanese, aggredita d’improvviso e derubata di 80 euro e dei documenti di identità contenuti nella sua borsa. La vittima provò ad opporre resistenza, ma non ci riuscì, finendo a terra, spinta dall’uomo.

I fatti risalgono al gennaio 2017, quando G.M., fuori dal suo territorio, commise i fatti addebitati, come ricostruito dalla Procura: la donna denunciò tutto raccontando l’accaduto ai carabinieri. L’uomo risponde delle accuse di rapina aggravata, per aver portato via con la forza la borsa alla lucciola impegnata nel suo lavoro notturno, e della ulteriore contestazione di lesioni, riguardo le botte e la caduta, a cagionare alla donna una prognosi di 4 giorni dopo la visita al pronto soccorso dell’ospedale di Nocera Inferiore Umberto I. Sulla questione deciderà il gip.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE