I carabinieri di Pompei hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Torre Annunziata nei confronti di uno dei due fratelli Cafiero, già arrestati in flagranza di reato nel febbraio 2013 dal personale della compagnia carabinieri di Castellammare di Stabia. I tre soggetti, uno mai identificato, erano appena scesi da una autovettura Renault Modus, risultata poi rapinata proprio a Pompei qualche giorno prima, e sorpresi all’interno di un palazzo. Alla vista dei militari si erano dati alla fuga. La successiva perquisizione aveva consentito il ritrovamento e sequestro di alcune maschere di carnevale, mazze da baseball e una pistola a salve senza tappo rosso.

All’epoca dei fatti, dopo la convalida dell’arresto, Cafiero fu sottoposto agli arresti domiciliari. Per il reato in argomento è stato condannato alla pena di mesi 8 di reclusione. È stato pertanto sottoposto alla detenzione domiciliare in Pompei, dove dovrà scontare il residuo pena di 4 mesi circa.