Incendiate 51 auto nel parcheggio: arrestato 36enne di Sant’Anastasia, è la mente del gruppo

3570

Auto incendiate a Orio al Serio. Ieri i carabinieri hanno fermato 5 persone. Quattro sono finite in carcere e una è stata sottoposta all’obbligo di dimora. Sono stati rintracciati a Bergamo, Milano ed a Sant’Anastasia (Na). Contestualmente alla misura cautelare, verranno eseguiti 7 provvedimenti di perquisizione domiciliare e personale a carico dei soggetti colpiti dalla misura cautelare e di altri soggetti indagati in stato di libertà.



L’attività investigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica di Bergamo e convenzionalmente denominata “Park on fire” è durata dal giugno 2017 al gennaio 2018. È stata avviata a seguito di una serie di incendi dolosi, che hanno interessato i parcheggi dell’aeroporto di Orio, nel comune di Grassobbio. Il 14 giugno nell’Azzurro Park erano stati danneggiati 2 veicoli. Due giorni dopo al Blu Parking l’incendio aveva danneggiato 51 auto e provocato ingenti danni strutturali.

Vertice operativo del sodalizio è un pregiudicato di Sant’Anastasia, La Manna Giuseppe, 36enne, residente a Bergamo e tuttora sottoposto al regime degli arresti domiciliari, ex dipendente della società “Azzurro Parking srl” nonché amministratore della società “Orio Big Parking srl”, che gestisce aree di parcheggio a Seriate e Grassobbio. Sono state anche individuate tre persone di nazionalità ucraina, Prekob Georgii, 35enne, Lazurko Dmytro, 41enne, e Chubaiko Andrii, 30enne, domiciliate nel milanese e “ingaggiate” da un cugino del principale indagato residente nel napoletano. Sono loro gli esecutori materiali degli incendi, a cui è stata corrisposta, nel periodo dal 15 al 26 giugno 2017, la somma complessiva di 750 euro. Risulta chiaro agli inquirenti il movente sotteso agli incendi. Sarebbe da ricondurre al proposito di intimidire i titolari dei parcheggi insistenti nella zona aeroportuale, al fine di imporre i prezzi stabiliti dal sodalizio criminale e alterare la concorrenza di mercato.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE