I Cobas lanciano carta igienica sui relatori. Momenti concitati a Pomigliano, dove esponenti del Si Cobas hanno fatto irruzione nella sala dove si stava svolgendo un convegno sul lavoro promosso dal Pd con i segretari regionali di tutti i sindacati metalmeccanici ad eccezione della Fiom. «L’insulto non è il modo migliore per poter dialogare, e se uno mi chiama “venduto” io lo mando “affa”», ha risposto Migliore. Sui rotoli lanciati dentro e fuori la sala, gli esponenti dei Si Cobas hanno scritto frasi contro i sindacati firmatari dell’accordo con Fca, e contro il Pd.

I manifestanti hanno anche esposto uno striscione contro gli stessi partecipanti al convegno, ed urlato slogan per chiedere interventi a favore dell’occupazione in vista delle scadenze degli ammortizzatori sociali nella fabbrica automobilistica campana. «Bisogna chiedere per poter parlare – ha aggiunto Migliore – e per me quelle persone non hanno manifestato, ma sono venute ad insultarci. Con il Pd chiunque può parlare, soprattutto dei temi che riguardano il lavoro. Noi siamo orgogliosi della dimensione popolare del Pd».

I Cobas lanciano carta igienica sui relatori. Momenti concitati a Pomigliano, dove esponenti del Si Cobas hanno fatto irruzione nella sala dove si stava svolgendo un convegno sul lavoro promosso dal Pd con i segretari regionali di tutti i sindacati metalmeccanici ad eccezione della Fiom. «L’insulto non è il modo migliore per poter dialogare, e se uno mi chiama “venduto” io lo mando “affa”», ha risposto Migliore. Sui rotoli lanciati dentro e fuori la sala, gli esponenti dei Si Cobas hanno scritto frasi contro i sindacati firmatari dell’accordo con Fca, e contro il Pd.

I manifestanti hanno anche esposto uno striscione contro gli stessi partecipanti al convegno, ed urlato slogan per chiedere interventi a favore dell’occupazione in vista delle scadenze degli ammortizzatori sociali nella fabbrica automobilistica campana. «Bisogna chiedere per poter parlare – ha aggiunto Migliore – e per me quelle persone non hanno manifestato, ma sono venute ad insultarci. Con il Pd chiunque può parlare, soprattutto dei temi che riguardano il lavoro. Noi siamo orgogliosi della dimensione popolare del Pd».