È partito il processo a Francesco Casillo, detto “’A Vurzella”, accusato di essere a capo di una costola del clan Aquino-Annunziata del Piano Napoli. Attualmente il presunto bosso si trova agli arresti per associazione per delinquere, omicidio e traffico di stupefacenti. Secondo gli inquirenti Casillo avrebbe avuto un patrimonio di dieci milioni di euro tra beni mobili ed immobili sparsi tra Boscoreale, Poggiomarino e Vitulazio, nel Casertano, dove c’è il capo di imputazione per lottizzazione abusiva a carico di due imprenditori.