Home Notizie Casalesi e politica: 7 anni all’ex senatore nolano Tommaso Barbato

Casalesi e politica: 7 anni all’ex senatore nolano Tommaso Barbato

Ventisette anni di reclusione e tre assoluzioni totali. È questa la sentenza emessa dalla seconda sezione collegio B del Tribunale di Napoli Nord per gli imputati del processo Medea, l’inchiesta sull’intreccio tra clan dei Casalesi ed alcuni dirigenti della Regione Campania in merito alle gare d’appalto truccate dell’Ato3 delle acque. A 13 anni e 6 mesi è stato condannato l’imprenditore Pino Fontana, ritenuto socio del boss Michele Zagaria. Sette anni per Tommaso Barbato, ex senatore Udeur e funzionario regionale addetto al settore idrico. Quattro anni e sei mesi per Alessandro Cervizzi, l’ex carabiniere che avrebbe cercato di aiutare Fontana ottenendo in cambio soggiorni per il figlio in una villa dell’imprenditore. Due anni invece per Carmine Lauritano, accusato di intestazione fittizia di beni.

Assolti Orlando Fontana, fratello di Pino, accusato di aver acquistato la pen drive del boss Michele Zagaria da un poliziotto che partecipò alla cattura nel covo di Casapesenna il 7 dicembre 2011; Silvano Monaco, accusato di rivelazione di segreto d’ufficio e Vincenzo Pellegrino, accusato di essere un imprenditore colluso con il clan dei Casalesi.

Posting....
Exit mobile version