Una specifica attività di controllo del territorio, volta al contrasto delle condotte illegali quali l’abusivismo edile, condotta dai carabinieri della stazione dei carabinieri di San Giuseppe Vesuviano, comandati dal maresciallo Giuseppe Sannino e coordinati dal maggiore Luigi Coppola, comandante della Compagnia carabinieri di Torre Annunziata, unitamente ai carabinieri del gruppo ispettorato del lavoro di Napoli, ha fatto in modo che venisse sequestrato un cantiere abusivo sito nell’agro di via Scudieri.

Un cantiere edile privo delle autorizzazioni necessarie e previste per l’ambito territoriale della cittadina sangiuseppese, che ricade nella cosiddetta “zona rossa”, ad elevato rischio sismico e vulcanico. All’interno del cantiere sono stati individuati e identificati ben tre operai, sorpresi a lavorare “in nero”. I carabinieri dell’Ispettorato del lavoro hanno pertanto proceduto, a carico del committente e titolare delle opere edili accertate, alla conseguente contestazione di infrazioni per un ammontare di circa ventimila euro. L’intero cantiere è stato sottoposto a sequestro penale.