Pomigliano, a casa 4 quattro lavoratori: alla Fiat scatta lo sciopero a oltranza


1140

Uno sciopero ad oltranza nello stabilimento Tiberina di Pomigliano d’Arco, industria dell’indotto Fca, è stato proclamato da Uilm e Fiom in seguito alla mancata riconferma di quattro lavoratori interinali, poi sostituiti da altrettanti operai a tempo determinato chiamati tramite apposite agenzie. Ad incrociare le braccia, da ieri, secondo i sindacati, sono l’80 per cento circa dei 96 lavoratori a tempo indeterminato impiegati nello stabilimento, che chiedono il “rispetto delle relazioni con i sindacati”.



«Già lo scorso anno – spiegano i lavoratori – l’azienda eliminò i ticket mensa per gran parte dei lavoratori interinali, sostenendo che in caso contrario avrebbe dovuto rinunciare a 15 operai. A dicembre voleva eliminare il ticket di 1,50 euro, anche per 15 saldatori. Al rifiuto degli operai e dei sindacati, l’azienda ha proceduto con la mancata riconferma di 4 di questi lavoratori interinali, che non volevano rinunciare al ticket, chiamandone al lavoro altri quattro con ricorso ad agenzie. Ci troviamo di fronte a dei soprusi che non possiamo tollerare».

Al fianco dei lavoratori sono scesi i sindacati, i cui esponenti sottolineano che è necessario «un ripristino delle corrette relazioni dell’azienda con i sindacati nel rispetto dei diritti dei lavoratori. A mio giudizio – ha sottolineato Crescenzo Auriemma, segretario regionale Uilm – è indispensabile il ripristino di dette relazioni, sia con i rappresentanti sindacali interni, che con gli esponenti territoriali, per evitare colpi di testa. In Tiberina ci troviamo di fronte alla totale assenza di comunicazione tra le parti, e finché l’azienda procederà in maniera unilaterale, ognuno agirà secondo quanto concesso dai propri ruoli».

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE