I carabinieri della compagnia di Castello di Cisterna hanno tratto in arresto Giacomo Doni, del luogo, già noto alle forze dell’ordine, per detenzione di stupefacente a fini di spaccio. Durante una perquisizione domiciliare i militari dell’Arma hanno scoperto che aveva nascosto 11 dosi di cocaina nella testa di un gioco dei suoi bambini.

Dopo le formalità di rito Doni ora si trova ai domiciliari e attende di essere giudicato con rito direttissimo per i reati che gli vengono contestati dalle forze dell’ordine. Non è il primo caso in cui la droga viene nascosta tra giochi o addirittura nelle cullette dei bambini piccoli figli di pusher.