A Pompei ha ceduto una porzione di un muro presso la Casa della Caccia ai Tori, nella Regio VI, non aperta al pubblico. A seguito del sopralluogo tecnico effettuato dal direttore generale del Parco archeologico Massimo Osanna, assieme ai funzionari tecnici, la Direzione precisa che “il distacco della porzione di muro di circa un metro e mezzo, che si presentava in buono stato, è stato causato dal cedimento non prevedibile di una cisterna sottostante che ha determinato la rotazione della struttura muraria”.

“Non si sono registrati danni alla struttura archeologica in quanto il muro si è adagiato integro al suolo e sarà quanto prima ricollocato nella sua posizione originaria. L’intera casa, non aperta al pubblico e ubicata nella Regio VI, già oggetto di messa in sicurezza, è in buone condizioni”, conclude la Direzione di Pompei.