Dal noto calcestruzzo ai rifiuti, ma anche attività ricettive ed ogni altra forma di business in Campania così come nel resto di tutta Italia, praticamente in ogni angolo. È il tesoro enorme del clan Fabbrocino su cui sta lavorando l’Antimafia nel tentativo di dare un freno agli affari della cosca del superboss Mario, oggi detenuto al 41bs nel carcere di Sassari.

Secondo gli inquirenti della Dia potrebbero essere addirittura 100 le aziende ed imprese legate in qualche modo e a doppio filo con la cosca di San Gennaro Vesuviano ed egemone in tutto il territorio circostante. Tante società hanno già ricevuto l’interdittiva antimafia nel corso degli ultimi anni, almeno una ventina per la precisione, ma il conto secondo chi indaga è molto più lungo e vedrebbe affiliati assunti all’interno delle stesse ditte.