Come ti combino le castagne!

393

Le castagne sono un tipico cibo del “vorrei ma non posso”; la maggior parte delle persone infatti ritiene che facciano ingrassare, ma cerchiamo di fare un po’ di chiarezza. Le castagne sono in realtà un frutto dotato di moltissime proprietà; hanno un contenuto elevato di carboidrati, di cui solo una piccola parte sono zuccheri, ed hanno quindi un elevato potere saziante. Contengono pochi grassi, e quelli che ci sono appartengono alla categoria degli omega 3 e degli omega 6, preziosi alleati della salute. Sono ricche di vitamina E, di sali minerali come ferro, potassio, zinco e magnesio, e di antiossidanti che ci aiutano a combattere i radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento. Infine, presentano un elevato contenuto di fibre e sono quindi un toccasana per l’intestino e per chi soffre di stitichezza.

Ma se fanno così bene perché sono tanto demonizzate? Come già detto presentano un elevato contenuto di carboidrati complessi che le rendono più simili a pane e pasta che agli altri tipi di frutta, ma il problema non è il loro consumo fine a se stesso, bensì l’uso scorretto che ne facciamo; siamo infatti abituati a mangiarle a fine pasto, soprattutto nei giorni di festa, quindi dopo portate che di per sé sono già state abbondanti e sicuramente non molto dietetiche. Per non rinunciare a questo prezioso dono dell’autunno possiamo quindi inserirle nella nostra dieta quotidiana imparando a mangiarle nel modo corretto, cioè al posto del pane, della pasta e delle patate. Provate a preparare una vellutata di zucca con castagne, rosmarino e funghi porcini: un dolcissimo pieno di sapori d’autunno a rimorso zero.  Scrivimi tramite l’apposito form del mio sito www.alimentazionearmonia.it per ricevere la ricetta. *Biologa Nutrizionista – Consulente Haccp SITO WEB

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE