Strage di Rigopiano, tra gli indagati anche il prefetto di Ottaviano

1671

Tra gli indagati dalla Procura di Pescara per la tragedia del Rigopiano c’è anche il prefetto di Ottaviano, Francesco Provolo, a capo della prefettura di Pescara quando il 18 gennaio scorso una valanga si stacco dal monte Siella e travolse l’Hotel provocando 29 morti. La seconda parte dell’inchiesta, una prima parte aveva individuato sei indagati prima dell’estate, fa arrivare l’avviso di garanzia a 23 persone. Tra gli indagati il presidente della provincia di Pescara Antonio Di Marco, il sindaco di Farindola Ilario Lacchetta, il direttore del resort, il geometra del comune di Farindola e numerosi dirigenti pubblici. Le accuse vanno dall’abuso d’ufficio al falso, dagli abusi edilizi al disastro e omicidio colposi.



In quaranta erano rimasti bloccati dentro la struttura turistica a causa della inagibilità della strada provinciale numero 8, sepolta da due metri di neve. Vi furono dei ritardi nell’aprire il Centro coordinamento soccorsi e l’Unità di crisi. Provolo, originario di Ottaviano, fu anche prefetto di Rovigo dall’agosto 2012 per 3 anni, arrivò a Pescara del 9 gennaio 2016. Nelle scorse settimane è stato trasferito a Roma, all’Ufficio centrale ispettivo del Dipartimento dei vigili del fuoco.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE