Pomigliano, il colosso Hitachi non paga: lavoratori costretti a fare pignorare i beni


2192

Pignoramento presso terzi a carico del colosso giapponese Hitachi Rail Italy, che fino ad un anno fa, aveva a Pomigliano D’Arco un magazzino ricambi affidato in gestione alla società Pomi Service srl. Il provvedimento di pignoramento, deciso dal tribunale civile di Napoli, è stato notificato nei giorni scorsi ad una decina di creditori del gruppo Nipponico, che ha deciso di non rispettare la sentenza emessa da un giudice. A riportare la notizia è l’agenzia Primapress con un articolo di Nino Panella.



«Un vero e proprio braccio di ferro, che ha come obiettivo quello di penalizzare l’impresa pomiglianese che per oltre un decennio ha gestito nel migliore dei modi, per conto di Ansaldo Breda l’importante e nevralgico magazzino ricambi nel quale erano impiegati decine di padri di famiglia. Ovviamente, alla luce della diaspora, la vertenza che sembrava essere ad un passo dalla soluzione indolore, torna in alto mare. Per cercare di mettere una pezza ad un buco molto largo, nella mattinata di martedì, dopo aver atteso ancora una giornata, il legale dell’azienda pomiglianese ha provveduto a notificare ad una folta pattuglia di creditori del gruppo nipponico (anche presso Trenitalia), il provvedimento giudiziario, congelando virtualmente oltre 2 milioni di euro, nell’attesa che il gruppo nipponico decida di pagare il dovuto più gli onorari. Il decreto ingiuntivo, immediatamente esecutivo è stato notificato anche a 5 banche», fa sapere infine l’agenzia.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE