In 34 a processo per le estorsioni ai danni delle attività commerciali e particolarmente delle Sale Bingo nella zona di Pompei, Scafati e Castellammare di Stabia. Erano ben 5mila euro i soldi da pagare, richiesti secondo l’accusa da il boss di Ponte Persica Luigi Di Martino.

A giudizio anche i suoi uomini: Giovanna Barchiesi, Giacomo Casciello, Giuseppina Casciello, Roberto Cenatiempo, Giovanni Cesarano, Rosalia Ciatti, Gaetano Criscuolo, Francesco Paolo D’Aniello, Giuseppe Iorio, Mario Di Fiore, Pasquale Di Fiore, Fiorentino Di Maio, Aldo Esposito Fluido, Vincenzo Immediato, Michele Imparato detto Massimo, Alfono Loreto, Pasquale Loreto, Antonio Matrone detto Michele, Francesco Matrone, Giovanni Messina, Alfonso Morello, Giuseppe Morello, Francesco Nocera, Antonio Palma, Vincenzo Pisacane, Giuseppe Ricco, Gennaro Ridosso, Luigi Ridosso, Romolo Ridosso, Salvatore Ridosso, Mario Sabatino.