Usura e estorsioni a Pompei e dintorni: tutto condannati gli uomini del clan Ridosso


1465

Condannati anche in secondo grado: sono gli uomini del clan Ridosso accusati di usura ed estorsioni a Pompei e dintorni ed il cui arresto scattò nei mesi scorsi dopo mesi di attività investigative in seguito alle denunce. Rispetto al primo grido ci sono tutti sconti di pena di circa un anno per ognuno degli imputati.



In particolare Gennaro Ridosso è stato condannato a 5 anni e 4 mesi, mentre ad Alfonso Mauriello, ritenuto “il cassiere” dell’organizzazione, sono stati comminarti sei anni. Inoltre cinque anni e due mesi per Luigi Ridosso, e tre anni e sette mesi per Romolo Ridosso. Rinviato il giudizio per altri imputati originari di Pompei e Boscoreale.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE