L’avvocato di Giosuè: «Non ci sono movente, tracce e testimoni». E oggi parla Ruotolo ai giudici

754

«Vi chiedo di tutelare il diritto alla libertà di Ruotolo che è in carcere da innocente dal 7 marzo 2016 e di pronunciare una sentenza di assoluzione per non aver commesso il fatto». Con queste parole l’avvocato Giuseppe Esposito, uno dei legali della difesa di Giosuè Ruotolo, ha chiuso l’arringa. Ruotolo è l’unico imputato per il duplice omicidio della coppia di fidanzati Teresa Costanza e Trifone Ragone, uccisi a colpi di pistola la sera del 17 marzo 2015 nel palazzetto dello sport di Pordenone. In un giorno e mezzo di arringa il legale ha messo in luce «gli enormi profili di inattendibilità e falsità» delle testimonianze dei coinquilini «smentiti dai dati oggettivi» e sottolineato le prove certe: «Mancano le tracce di Teresa e Trifone sull’auto e i vestiti di Ruotolo, sulle sue cose personali, mancano i testimoni oculari, manca un legame tra la pistola e Ruotolo. Manca un movente».



Giosuè Ruotolo in una foto con la vittima Trifone Ragone

«Il movente non c’è», ha ribadito il legale, sempre rivolto alla Corte, ricordando i motivi prospettati dall’accusa: «Gelosia, paura di essere denunciato, l’omosessualità latente». «Ne sono stati indicati diversi perché non c’è. Ma un processo penale non è un menù alla carta», ha aggiunto il legale. «Se il profilo anonimo anonimo è il movente – ha chiesto alla Corte – ditemi perché ha aspettato quasi 4 mesi per uccidere, perché quella sera e in modo così plateale? Perché uccidere quando aveva in mano informazioni tali da rappresentare una minaccia per Trifone e per la sua carriera? Perché, se i rapporti erano così tesi, Teresa e Trifone tornano a settembre in quella casa? E perché il 2 marzo Trifone manda a Giosuè un messaggio in tono così amichevole?» Il pomeriggio prenderà la parola anche l’altro legale della difesa, l’avvocato Roberto Rigoni Stern. C’è attesa anche per eventuali dichiarazioni spontanee dell’imputato.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE