«La prima foto a Cutolo insieme alla moglie? Un mese di appostamenti a Ottaviano prima di scattarla»

2673

Una bella storia di giornalismo quella raccontata da Mario Laporta per Il Napolista, un’intervista di quelle interessanti come si facevano un tempo a Gianni Fiorito, ex fotografo di cronaca e oggi nell’ambiente del cinema. Il racconto è quello della foto del superboss Raffaele Cutolo insieme ad Immacolata Iacone, allora fidanzata del grande capo della Nco e tuttora moglie. L’immagine fece il giro del mondo, ma non tutti sanno come è stata scattata e con quali pericoli.



La foto di Cutolo e Immacolata Iacone scattata da Gianni Fiorito nel 1983

A raccontarlo è lo stesso Fiorito. Lo scatto risale al 9 febbraio del 1983 a Castelcapuano, allora tribunale di Napoli, dove Cutolo era in udienza. Fiorito, prima di quella giornata, aveva provato a fotografare la Iacone a Ottaviano, un mese di appostamenti senza però mai riuscire a trovare lo spunto giusto per fotografare la donna. Un impegno quotidiano per cui il fotoreporter venne preso di mira e riconosciuto, dovendo mettere fine alle incursioni sotto al Vesuvio.

L’occasione ci fu però in tribunale: arrivò la Iacone, e Fiorito fu l’unico a riconoscerla proprio grazie a quelle giornate trascorse a Ottaviano. Riuscì ad infilarsi nell’aula nonostante quel giorno fosse stato fissato un divieto per i fotografi. Ne “approfittò” quando alla donna fu concesso di salutare da vicino Cutolo all’interno del gabbiotto. Partirono così tre-quattro scatti in fila che fecero poi il giro del mondo: «Rividi Cutolo qualche anno dopo, e mi disse: “ti sei fatto i soldi con quella foto”», racconta il fotoreporter.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE