Circumvesuviana, la “stazione dello stupro” diventa più bella e sicura

704

A Castello di Cisterna è stata inaugurata la ristrutturata stazione della Circumvesuviana. Oltre ad essere più bella è anche e soprattutto più sicura. Proprio qui, alcuni anni fa, si era verificato uno stupro ai danni di una giovane donna. Eventi che adesso non dovrebbero più avvenire anche grazie ai tanti occhi elettronici sul modelle delle stazioni che Eav e Regione Campania intendono proporre in larga scala.



Umberto De Gregorio, presidente Eav, ha riferito: «Si tratta della decima stazione oggetto di manutenzione straordinaria ma questa ha caratteri di straordinarietà per le condizioni che erano da recuperare e che abbiamo recuperato con i fondi ordinari. Operazione che rappresenta una scommessa ed un modello perché è una stazione impresenziata che verrà assegnata a soggetti esterni. Con un imprenditore coraggioso si persevera nella tutela di quello che abbiamo ripristinato, con una operazione di senso civico contro il vandalismo»

Aniello Rega, Sindaco di Castello di Cisterna, ha detto: «Sin dal primo incontro con il Presidente De Luca ho capito di trovarmi di fronte ad una persona concreta e adesso stiamo qua con la realtà di questa opera e ricordiamo come era prima, mentre ora è un fiore all’occhiello che serve a riqualificare la periferia che noi non abbiamo mai trascurato. La quotidiana biglietteria, il punto caffè, il parcheggio saranno un aiuto alla serenità del viaggiatore ed all’ambiente. Siamo contentissimi di questo lavoro fatto e noi eravamo fiduciosi che ciò avvenisse. Grazie a tutti quanti si sono impegnati per tale realizzazione».

Il Governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca: «Una bella giornata per i cittadini di Castello di Cisterna. Avevo assunto un impegno e se qualche ritardo c’è stato è perché la gara è andata deserta tre volte. Siamo di fronte ad un’anomalia in Italia: un presidente di Regione ha assunto un impegno e l’ha mantenuto. Mi aveva colpito lo stato da terzo mondo di questa stazione ma soprattutto perché avevo saputo che una ragazza in un pomeriggio era stata violentata. Ci sono 16 telecamere, tutto è monitorato, solo la bellezza di questa stazione dà l’immagine di civiltà. Ricordo che il gestore del bar e della biglietteria ha l’obbligo di manutenzione. Ora vi annuncio anche che per il Santuario di Madonna dell’Arco, la viabilità e le aree di parcheggio è tutto ok. Non c’è una parte di territorio della Regione Campania che non ci ha visto presenti».

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE