Camorra, in rianimazione il superboss del Nolano Biagio Cava: fu arrestato a San Gennarello

3350

Dal 416 bis alla rianimazione. Si tratta di Biagio Cava, superboss dell’area Nolana e della zona irpina al confine con quella partenopea. Il ras di camorra è stato ricoverato al Cardarelli di Napoli dove ha subito ben due operazioni a cuore aperto prima di finire nel reparto di rianimazione. Il boss ha 63 anni e già da qualche giorno, nonostante la condanna di 30 anni, ed il carcere duro, era tornato a casa per le gravi condizioni fisiche.



Il primo arresto del boss Cava risale al 1994 a San Gennarello di Ottaviano, dove venne catturato dalla Squadra Mobile di Avellino. Poi fu un crescendo di scarcerazioni, processi e nuovi arresti. Cava è stato protagonista della sanguinosa faida di camorra con il clan contrapposto dei Graziano, dove spicca la strage di Scisciano nel 1999, quando un commando ammazzò ben cinque persone, tra cui anche una donna.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE