La prossima primavera scade il mandato del sindaco, Vincenzo Catapano, durato 5 anni e mezzo per la particolare precedente tornata elettorale caduta in autunno. L’avvocato cercherà sicuramente la riconferma per un secondo consenso da parte dei cittadini, ma la pattuglia dei rivali sarà agguerrita più che mai. Intanto, da diverso tempo, non si fa altro che parlare di una frattura all’interno della maggioranza.

“Radio Piazza” vorrebbe infatti una situazione nervosa tra la stessa fascia tricolore ed il presidente del consiglio comunale, Nello De Lorenzo, arrivando addirittura a paventare l’ipotesi di una candidatura a sindaco dell’attuale numero uno dell’assise. Frizioni che tra l’altro i due politici coinvolti hanno più volte smentito, anche se con la stessa veemenza, i beninformati continuano a parlarne. Come si dice: chi vivrà, vedrà. E la presenza o meno di De Lorenzo con Catapano potrebbe essere decisiva per mutare gli equilibri.

Sempre a destra ci ritenterà il già più volte sindaco Antonio Agostino Ambrosio, il vero oppositore dell’Amministrazione Catapano. Un altro ex sindaco è il nome che dovrebbero proporre anche il centro insieme al centrosinistra, sembrerebbe addirittura con il via libera da parte del Collettivo Vocenueva:  il papabile è Ivan Pasquale Casillo, primo cittadino a cavallo dei due secoli e già democristiano di ferro.

Al lavoro, come ormai accade in ogni città, c’è il MoVimento 5 Stelle che proporrà una propria lista con un candidato sindaco. In campo potrebbe scendere anche la società civile, con un nome forte appoggiato dalle associazioni, a partire da Rinascita Civile Vesuviana. Insomma, la partita è ancora tutta da giocare anche se il quadro comincia a delinearsi.