È tornata una libera la titolare del bar di via Panoramica a Terzigno arrestata due giorni fa perché in un box delle pertinenze del locale erano stati rinvenuti due bidoncini con all’interno oltre tre chili di droga. Secondo i giudici, però, contro la 33enne Annalisa Somma gli indizi non sono sufficienti, e quindi può lasciare gli arresti domiciliari nella sua Castellammare, dove vive.

La marijuana pura rinvenuta dai carabinieri di Boscoreale, infatti, avrebbe fruttato oltre 200mila euro sul mercato. La 33enne non frequentava quel garage con assiduità e non può escludersi con altre persone avessero le chiavi del locale. Insomma, quel nascondiglio potrebbe essere stato utilizzato da terze persone per celare gli stupefacenti.