Anas comunica che, lungo la strada statale 268 del Vesuvio, proseguiranno fino al 30 ottobre i lavori principali nel tratto tra Somma Vesuviana-Cupa di Nola ed Ottaviano Zona Industriale, nell’ambito del più ampio intervento di raddoppio e completamento della statale. Durante l’esecuzione dei lavori, avviati lo scorso 5 giugno, si sono verificati alcuni rallentamenti nelle attività di cantiere, dovuti a difficoltà tecniche esecutive impreviste emerse in corso d’opera.

Per l’avanzamento delle attività si rende, quindi, necessario prorogare – fino alle 18 di lunedì 30 ottobre – l’attuale interdizione al traffico, in entrambi i sensi di marcia, del tratto stradale compreso tra il chilometro 8,100 ed il chilometro 12,350; conclusa questa fase delle attività verrà ripristinata la circolazione, in entrambi i sensi di marcia, grazie alla riapertura di una carreggiata ammodernata. Permangono le attuali deviazioni per il traffico lungo gli attuali percorsi alternativi – opportunamente predisposti e condivisi da Anas durante precedenti riunioni svoltesi presso la Prefettura di Napoli con gli Enti Locali – ovvero: uscita obbligatoria dei veicoli che da Napoli viaggiano sulla SS268, in direzione Angri, allo svincolo di Somma Vesuviana e rientro in corrispondenza dello svincolo di Ottaviano-Zona Industriale; per i soli veicoli leggeri in direzione di Angri verrà indicato un ulteriore percorso alternativo per l’immissione sulla statale allo svincolo di Ottaviano-San Giuseppe Nord (chilometro 13,800). Niente riapertura per i primi di settembre, dunque, almeno per una corsia com’era stato annunciato da Anas.

Inoltre, uscita obbligatoria dei veicoli che da Angri viaggiano sulla Statale 268, in direzione Napoli, allo svincolo di Ottaviano-Zona Industriale e rientro in corrispondenza dello svincolo di Somma Vesuviana; i soli mezzi pesanti, in direzione Napoli, verranno indirizzati lungo specifico percorso alternativo, opportunamente segnalato in loco, per l’immissione sulla statale allo svincolo di Sant’Anastasia (chilometro 3,200). I lavori proseguiranno, poi, per l’ammodernamento e la messa in esercizio dell’altra carreggiata, posta in adiacenza.