Ecco perché viene detto che è il mestiere più antico del mondo. E già nell’antica Pompei esistevano le meretrici. E se quella della prostituzione non è una novità, di certo lo sono gli appellativi con cui venivano chiamate allora le donne intente a vendersi. A svelare tutto è la pagina Facebook del Parco Archeologico della città vesuviana.

Il post è questo: «Conosciamo alcuni termini con i quali venivano identificate le prostitute: se le Fornicatrici si trovavano sotto i ponti, le Bustuarie preferivano stazionare nei pressi dei cimiteri. Le Ambulatrici passeggiavano, le Tabernarie si trovavano nei pressi delle taverne. Ancora, le Castides esercitavano in casa, mentre le Nocti preferivano l’oscurità notturna per offrire piacere».