Home Cronaca Vesuvio, respinta la richiesta di domiciliari per il piromane: il 24enne resta...

Vesuvio, respinta la richiesta di domiciliari per il piromane: il 24enne resta in carcere

Rimane in carcere Leonardo Orsino, il 24enne di Torre del Greco accusato di essere il presunto autore del rogo che il 14 luglio scorso divampò nel Parco del Vesuvio divorando ben 10mila metri quadrati di vegetazione. È stata confermata, infatti, l’ordinanza che era stata emessa a carico del giovane, già noto alle forze dell’ordine, dal gip di Torre Annunziata, Giovanni de Angelis, su richiesta della locale Procura. Si attendono ora le motivazioni del provvedimento che non sono state ancora depositate. Ovviamente Orsino rimane innocente fino a sentenza definitiva.

Per provocare l’incendio, secondo l’accusa, il giovane avrebbe utilizzato un semplice accendino, mettendo inoltre a repentaglio con quel gesto la sua stessa abitazione, che fu lambita dalle fiamme, in via Sopra ai Camaldoli. Orsino fu arrestato il 28 luglio scorso mentre, come detto, l’incendio risale al 14 luglio e divampò nei giorni in cui più grave era l’emergenza roghi proprio sul Vesuvio, con diversi roghi e fronti di incendi che misero a repentaglio diverse abitazioni.

Exit mobile version