Antiterrorismo in allerta nell’area vesuviana. Ci sono moschee “camuffate”, luoghi di preghiera non ufficiali e che hanno allarmato i servizi segreti dei Ros. Le sedi sono nelle città di Terzigno, Poggiomarino e Somma Vesuviana. A darne notizia è il noto giornalista di cronaca giudiziaria Simone Di Meo sulle pagine de Il Giornali, in cui parla di 12 luoghi sensibili tra Napoli e provincia.

Tra le moschee tenute sotto lo sguardo dell’Antiterrorismo anche quelle più importanti di Napoli in piazza Mercato, via Cosenza, corso Arnaldo Lucci, Porta Nolana e piazza Larga al Mercato, tutte strette in un fazzoletto. A fare più paura, però, sarebbero proprio i luoghi di preghiera dell’area ai piedi del vulcano.