Si chiamava Tullio Verdoliva il 39enne di Castellammare di Stabia, che si è schiantato mercoledì sera contro un’auto, dopo avere percorso alcuni metri contromano in autostrada sull’A3. Lunga l’attività di indagine con la Polizia Stradale è riuscita a dare un nome dopo quasi 24 ore. La moto su cui viaggiava era infatti rubata, e l’uomo era senza documenti.

Verdoliva, tuttavia, pur avendo piccoli precedenti per furto, rapina, estorsione e aggressione a vigili urbani e carabinieri non aveva rubato quel mezzo per “profitto”, bensì con l’intento di suicidarsi. Aveva già provato a farlo precedentemente con un motorino di sua proprietà. Secondo quanto appreso il 39enne era in cura proprio per problemi legati alla depressione.