Estate, tempo di vacanze e di grandi viaggi spesso in automobile. E la vettura ha bisogno di controlli, altrimenti rischia di abbandonarti sul più bello facendo ritardare il tuo periodo di relax e creandoti non pochi grattacapi lontano da casa e dal tuo meccanico di fiducia. I 16 controlli ed il “tagliando” sono quindi essenziali prima di mettersi in partenza. Ma cosa c’è da sapere sull’auto, quali sono gli elementi che vanno maggiormente controllati prima di affrontare il cammino che conduce verso il mare ed il riposo? Porta la tua autovettura da una delle officine clienti di Autoricambi Nova (puoi trovale sul sito www.circolomotori.it) e riceverai in omaggio una CircoloMotori Card.

SPAZZOLE TERGICRISTALLO. Le spazzole tergicristallo sono fatte di gomma, quindi si deteriorano naturalmente dopo diversi mesi di utilizzo, durante i quali hanno rimosso neve, pioggia e polvere dal parabrezza. Puoi portare l’auto dal meccanico per farle sostituire, ma sappi che si tratta di un lavoro semplice che puoi fare anche tu. Il processo di montaggio è praticamente identico per la stragrande maggioranza delle macchine in circolazione.

FILTRO ABITACOLO. Mette a riparo da tutte le sostanze nocive che si trovano nell’aria e che senza un adeguato filtraggio andrebbero a invadere i pochi metri cubi nei quali “viviamo” mentre siamo al volante. E’ decisamente riduttivo definire il filtro abitacolo come esclusivamente antipolline, perché in realtà l’azione che svolge è contro molte altre sostanze dannose, a partire dagli inquinanti dei gas di scarico. Mantenerlo efficiente significa ritrovarsi con un’aria pulita da respirare, particolarmente importante nel caso di soggetti affetti da allergie o comunque con vie aeree sensibili.

OLIO MOTORE. Ormai da alcuni anni le case madri prescrivono tagliandi con relativi cambi olio, ogni 15 mila, 20 mila chilometri a seconda dei modelli, ma è buona norma non superare mai i 10mila chilometri per avere maggiori sicurezze. Ovviamente, ciò non solleva l’utilizzatore dal periodico controllo, almeno mensile, del livello olio tra un tagliando e l’altro. Su alcune auto di recente progettazione, l’astina di controllo è assente e i cambi d’olio sono segnalati in anticipo rispetto a tali scadenze sul display della strumentazione.

GOMME. La funzione primaria di uno pneumatico è far defluire l’acqua da sotto l’automobile, per migliorare l’aderenza ed evitare l’acquaplaning sulle strade bagnate. Gli pneumatici diventano pericolosi quando sono usurati e se le scanalature sono di profondità inferiore a 1,6 millimetri. Di norma le gomme vanno invertite ogni 10mila chilometri e cambiate almeno ogni 40mila. Bisogna però fare attenzione all’usura e ad eventuali rigonfiamenti, dunque occorre l’occhio attento di un esperto.

FRENI: Ci sono diversi modi per capire quando è ora di cambiare le pastiglie dei freni: La maggior parte delle auto è ora equipaggiata con un segnale di usura; si accende una spia luminosa sul cruscotto che indica quando le pastiglie sono da sostituire. Il livello del liquido dei freni può dare informazioni sull’usura delle pastiglie freno. Quando si raggiunge il livello minimo, un sensore di livello accende una spia sul cruscotto. Se il livello è basso, è molto probabile che le pastiglie siano usurate. Altrimenti può trattarsi di una perdita nel sistema frenante. I dischi, invece, vanno cambiati all’incirca ogni 60mila-70mila chilometri. Rumori nella frenata indicano però uno stato dell’impianto da verificare anche se il chilometraggio è sensibilmente più basso.

BATTERIA: Un’automobile che stenta a mettersi in moto è quasi sempre afflitta da noie alla batteria che rendono la sua sostituzione un evento quasi sempre imminente. Un altro elemento che rende consigliabile la sostituzione della batteria di un’auto può essere semplicemente la sua fattura d’acquisto: se una batteria ha già almeno tre anni, il momento della sua sostituzione è praticamente quasi sempre imminente.