Immobile il Vesuviano: «Senza calcio chissà che fine avrei fatto, molti amici d’infanzia sono in galera»


1303

Ha trascinato la Lazio in Europa League lo scorso anno. La nuova stagione è iniziata con una doppietta decisiva in finale di Supercoppa Tim. Ciro Immobile sta facendo le fortune della Lazio, è entrato con le sue reti e con la sua semplicità nel cuore dei tifosi. L’attaccante di Torre Annunziata ha rilasciato un’intervista per il Corriere della Sera, dove ha parlato di calcio, ma anche di vita privata.



In particolare, oltre al calcio, si è soffermato sulla situazione della criminalità nella sua Torre Annunziata e nell’area vesuviana, oltre a parlare del fenomeno Gomorra La Serie. In tal senso ha detto: «Quando vivevo a Torre Annunziata e giocavo nel Sorrento il pranzo consisteva in un panino smangiucchiato sulla Circumvesuviana». Se non avessi giocato a calcio chissà che fine avrei fatto. Molti amici di Torre Annunziata sono finiti in galera». E su Gomorra: «Tre settimane fa sono stato a cena con Salvatore Esposito, l’attore che interpreta il giovane boss Genny Savastano. Se non va in onda la serie, la criminalità mica sparisce».

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE