I carabinieri lo stavano aspettando, dopo avere ricevuto diverse denunce da parte di donne che erano state avvicinate e palpeggiate da un uomo nel tragitto dal Santuario di Madonna dell’Arco alla vicina stazione della Circumvesuviana. I carabinieri di Sant’Anastasia e Pomigliano hanno velocemente predisposto servizi d’osservazione nei pressi della stazione ferroviaria per analizzare tutte quelle “facce strane” che potevano corrispondere al figuro denunciato: servizi andati avanti per qualche giorno fino allo scorso pomeriggio, quando l’uomo ha agito.

I militari dell’Arma, confusi tra gli utenti del treno, hanno visto il soggetto, un operaio 45enne di Sant’Anastasia già noto alle forze dell’ordine, avvicinarsi a una 26enne in attesa del treno: prima ha fastidiosamente “attaccato bottone” con lei attraverso domande di circostanza, poi all’improvviso l’ha bloccata ai fianchi, palpeggiandola e baciandola. In pochi attimi è scattato l’arresto. I carabinieri lo hanno bloccato con l’accusa di violenza sessuale. È stato portato in caserma per le formalità e poi tradotto al carcere di Poggioreale. Continuano le indagini per accertare se si sia reso responsabile degli episodi simili denunciati.