Adesso il rischio di nuova emergenza rifiuti è davvero concreto a San Gennaro Vesuviano. Lo sciopero dei lavoratori senza stipendio continua ormai da alcuni giorni, e la raccolta viene effettuata soltanto a singhiozzo. Soltanto a mezzogiorno inoltrato, infatti, l’azienda appaltatrice “Igiene Urbana” invia a San Gennaro alcune squadre nel tentativo di tenere pulita la località ai piedi del vulcano.

Un tentativo di ordine che riesce soltanto in parte, e che tra l’altro va oltre il capitolato d’appalto che prevede la rimozione dei rifiuti ben prima della tarda mattinata, quando tra l’altro il grande caldo di questi giorni provoca olezzi e gravi disagi alla popolazione. Il motivo della protesta è quello del mancato pagamenti degli stipendi.

Un ritardo che ad oggi è già di una settimana, visto che i lavoratori dovevano essere pagato il 15 luglio, e tra l’altro non è la prima volta che i dipendenti si ritrovano in una condizione simile per quanto riguarda il comune di San Gennaro. Intanto le maestranze saranno ricevute dal commissario prefettizio appena a metà settimana prossima, nonostante lo scenario di forte urgenza sociale ed igienico-sanitario.