Durante questi giorni afosi molto spesso non si ha voglia né di preparare né di mangiare piatti troppo elaborati. Il pasto più veloce e leggero è rappresentato sicuramente dalle insalatone, ma per non cadere nell’errore di preparare piatti qualitativamente pessimi con carne in scatola e wurstel vediamo insieme qualche consiglio. Segui ognuno dei 6 step per preparare un’insalatona saziante e nutrizionalmente equlibrata.

Scegli la base La base di ogni insalatona è ovviamente l’insalata; scegli quella che preferisci tra la famiglia delle indivie, delle cicorie e delle lattughe.

Aggiungi i colori Per far sì che il tuo piatto ti offra la massima protezione antiossidante rendilo un arcobaleno di colori. Carote, pomodorini, peperoni, melanzane, cetrioli… aggiungi tutto ciò che più ti piace!

Scegli le proteine Per saziarti e rendere il pasto completo devi aggiungere una componente proteica. Le proteine che meglio si adattano alla preparazione di insalatone sono: petto di pollo grigliato, tonno in vetro, uova, ceci, fagioli, Parmigiano o Romano, seppie, calamari e polipo.

Scegli i grassi Frutta secca, semini, avocado, scaglie di cocco e olio extra vergine d’ oliva sono tutte ottime fonti di grassi; fai però attenzione a non mettere insieme troppe cose per non rendere il tuo pasto troppo calorico e troppo pesante da digerire. Tieni come misura di riferimento 2 cucchiai: se usi ad esempio un cucchiaio di olio extra vergine d’oliva puoi aggiungere un cucchiaio di semi di girasole.

Scegli i carboidrati La tua insalatona potrebbe già essere completa così ma se vuoi renderla più sostanziosa puoi aggiungere anche una componente di carboidrati. Scegli tra: patate, cereali in chicchi (orzo, farro, quinoa, riso venere…) e crostini di pane (preparati da te a partire da pane di buona qualità).

Condisci Olio extra vergine d’ oliva e sale (scegli quello marino integrale) sono la base di qualsiasi condimento. A seconda dei tuoi gusti puoi poi aggiungere pepe, aceto (di vino, di mele o balsamico DOP), limone o salsine preparate da te. Via libera anche a erbe aromatiche e spezie! *Biologa Nutrizionista – Consulente Haccp SITO WEB