Un’area di 30mila metri quadrati adibita a discarica abusiva di rifiuti speciali non pericolosi. È quanto hanno scoperto a Pollena Trocchia gli uomini del comando provinciale della Guardia di Finanza e personale dell’Arpac. Il terreno è stato sequestrato e N.M., 60enne di Pomigliano d’Arco che gestiva la base, è stato denunciato per gestione illecita e smaltimento di rifiuti.

L’uomo è anche il gestore di un’azienda che operava formalmente nel settore dell’estrazione di ghiaia, sabbia, argille e caolino, totalmente priva dell’Autorizzazione Unica Ambientale prevista. Proprio in quell’area aziendale erano stoccati circa 250mila metri cubi di rifiuti speciali non pericolosi, principalmente rottami e soprattutto materiali di risulta edile, pronti ad essere frantumati nell’impianto aziendale per la frantumazione e vagliatura di inerti. L’impianto è stato trovato in funzione.