Una città, o almeno quanto possibile economicamente, sullo stile del corso di via Iervolino. È quanto ha più o meno in mente l’Amministrazione comunale di Poggiomarino che nei giorni scorsi ha emanato un bando doppio per la manutenzione ordinaria e straordinaria delle strade; non un semplice “rattoppo” delle buche e dei dislivelli ma una vera e propria opera che conta di rendere più funzionali, meno pericolose e più belle le arterie che riusciranno ad entrare nel piano.

L’appalto riguarda due lotti: il primo da circa 200mila euro che è stato generato appunto per “abbellire” e migliorare un certo numero di vie ancora non definito; mentre il secondo da qualche decine di migliaia di euro in più è tutto in funzione della nuova scuola media di via Giugliano che dovrebbe aprire quanto prima dopo avere “disertato” una serie di date già indicate dalla Giunta del sindaco Leo Annunziata.

Insomma, un restyling che se da un lato punta a migliorare l’aspetto e la sicurezza cittadina, dall’altro è necessario per fornire i collegamenti utili affinché il plesso non resti una cattedrale del deserto una volta fruibile agli studenti delle scuole medie inferiori. Il bando è stato pubblicato dalla centrale di committenza di Pompei, capofila per gli appalti poggiomarinesi, ed al momento si tratta di una “manifestazione d’interesse” per le imprese che vorrebbero accaparrarsi i lavori.

Per quanto riguardo il primo stralcio la “composizione” delle nuove arterie dovrebbe essere più o meno come prospettato nel capitolato, dove si parla di: fresatura di pavimentazione stradale, chiusini in ghisa ed a livello, tratti di pavimentazione in pietra lavica o porfido con tanto di interruzioni intorno agli alberi; inferriate, cancelli dove previsti in acciaio; cestini portarifiuti con fissaggio su palo e con chiusura meccanizzata; fioriere in cemento a forma rettangolare, colonnine per dissuasori, portabiciclette fissate a terra ed in acciaio, oltre all’onere per le imprese di raccogliere e smaltire regolarmente tutti i rifiuti che nasceranno dai cantieri, sia quelli prodotti sul posto durante le opere che quelli provenienti dall’attività di rimozione delle vecchie infrastrutture.

Per quanto riguarda invece via Giugliano il progetto prevede per grandi linee la realizzazione di marciapiedi con masselli autobloccanti; di un asse stradale a doppia corsia; cordoli perimetrali; dossi in corrispondenza degli ingressi della scuola per favorire la sicurezza, ed una rotatoria. Nel programma c’è una strada di collegamento che unisca l’arteria con via Siscara con marciapiedi di almeno 90 centimetri di larghezza in entrambi i lati. Infine nelle idee c’è la costruzione di una di fuga dal plesso fino a via Longola da un lato e via XXIV Maggio dall’altro.