Una decina di abiti “monacali” per la prima comunione: si trovavano in una delle tante discariche sul territorio di Terzigno, dove è partita la caratterizzazione dei rifiuti per la bonifica cittadina della Sogesid. Un ritrovamento “particolare” perché i vestiti erano nuovi di zecca, alcuni dei quali ancora all’interno delle buste di cellophane.

In tal senso il sindaco Francesco Ranieri ha affermato: «Ecco dove arriva l’inciviltà umana. Educare e sensibilizzare sarà un’impresa ardua ma certamente non arretreremo di un passo». Intanto gli abiti sono stati raccolti e donati alle parrocchie cittadine che poi li distribuiranno tra i meno abbienti che ne faranno richiesta. Probabile che i vestiti bianchi siano stati gettati via da una delle tante sartorie del territorio.