«Solo l’ospedale di Nola, pur non essendo attrezzato, ha deciso di ricoverare mamma con metodi di emergenza». A parlare è Marianno Cirillo, che a Il Mattino ha raccontato le peripezie vissute dalla madre Adele Pizza, 61enne di Somma Vesuviana affetta da grave obesità e che questa mattina è arrivata al pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria della Pietà di Nola. L’anziana pesa infatti 350 chili e presto potrebbe anche tornare a casa dopo essersi ripresa, ma a quel punto serve un centro per trattare la reale malattia della paziente, l’obesità appunto.

Adele Pizza nella foto pubblicata dall’edizione online de Il Mattino

«Al momento – spiega la figlia a Il Mattino – nessuna struttura pubblica ha dato la disponibilità per curare mia mamma che ha bisogno di cure specifiche possibili solo in reparti bariatrici specializzati». Da qui l’appello al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin: «Ringrazio i medici di Nola che sono stati straordinari ma ora intervenga il ministro della Salute. Mia mamma non può essere abbandonata ed in assenza di una risposta sono pronta a qualsiasi protesta, a che a restare con mamma davanti all’ingresso di qualche ospedale».