San Giuseppe, bruciò i genitali della moglie con la plastica bollente: condanna esemplare per “l’orco”


2624

Condanna esemplare per il “marito-orco” che nei mesi scorse venne arrestato dopo avere bruciato i genitali della moglie utilizzando della plastica bollente. Una procedura tremenda, poiché il materiale una volta indurito restò attaccato alla pelle e nelle parti intime della malcapitata donna, ritrovato a San Giuseppe Vesuviano tra sofferenze indicibile.



Il tribunale di Nola ha condannato l’uomo a cinque anni e due mesi di reclusione per le violenze perpetrati ai danni della coniuge, che tra l’altro era riuscita a scappare dopo essere stata rinchiusa e presa praticamente in ostaggio. Per il pm quanto messo in atto dal 33enne nei confronti della 28enne era una punizione per simboleggiare l’infedeltà e con la plastica bruciata intendeva lasciare un segno.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE