Ancora un’operazione contro i furti di energia elettrica nell’area vesuviana. Stavolta ad essere colta con le mani nel sacco è stata la titolare di una caffetteria nei pressi dell’area mercato di San Giuseppe Vesuviano. Ad entrare in azione sono stati i carabinieri della locale stazione agli ordini del maresciallo Giuseppe Sannino, insieme al personale dell’Enel.

All’interno del locale commerciante, infatti, militari dell’Arma e tecnici hanno rinvenuto una calamita con cui la donna, D. S., di 42 anni, riduceva sensibilmente i consumi elettrici, fino ad una frode calcolata in circa 14mila euro. Il rito per direttissima ha convalidato l’arresto rimettendo la donna in stato di libertà.