In mille, forse di più, tra lacrime e dolore. Due persone colte da malore, vera e propria ressa. Pomigliano d’Arco ha dato così l’addio a Raffaele La Rocca di 39 anni ed al figlio Luigi di 8, le vittime dell’incidente di domenica mattina all’alba sulla Salerno-Reggio Calabria mentre tornavano da una breve vacanza a Sibari. Intanto l’unica nota lieta sono le dimissioni della figlia di 4 anni, mentre la dodicenne è ormai fuori pericolo. Restano gravi le condizioni della mamma Tonia di 37 anni.

Ieri, intanto, Pomigliano si è fermata per l’ultimo saluto a padre e figlio, che si è celebrato nella parrocchia di San Felice in Pincis, dove sono giunti i feretri tra la commozione generale. Ad officiare la messa don Peppino Gambardella, e durante la celebrazione due persone sono state colte da malore. All’altare è salita anche la nonna del piccolo Luigi che ha trovato la forza per parlare del nipotino. Presenti anche i titolari del caseificio Beneduce di Sant’Anastasia dove Raffaele lavorava da ben vent’anni.