È una ragazza ucraina e residente a San Giuseppe Vesuviano, la donna rimasta conciata peggio al termine della maxi-rissa che si è scatenata intorno alla mezzanotte nel cuore della cittadina ai piedi del vulcano. La giovane ferita è stata portata da un’ambulanza presso il pronto soccorso dell’ospedale di Boscotrecase da cui è stata dimessa con una prognosi di 15 giorni.

La donna ha riportato ferite al volto, una tumefazione all’occhio e diverse escoriazioni nel corso della lite tra due gruppi di donne avvenuta a causa di un tradimento. Alla zuffa ha assistito senza riuscire a fare nulla anche l’uomo al centro della contesa. Sui fatti continuano ad indagare polizia e carabinieri che sono dovuti intervenire per sedare gli animi, riuscendo con non poche difficoltà.