«San Giuseppe, Asl chiusa da 2 anni: ma il sindaco ha abbandonato i cittadini più deboli»


927

La chiusura del presidio Asl avvenuta a fine 2015 è nuovamente al centro del dibattito politico sangiuseppese. In settimana, il Partito Democratico, attraverso una lettera firmata dal segretario Giuseppe Cozzolino, ha scritto al presidente della Regione Vincenzo De Luca, ai vertici dell’Asl Napoli 3 Sud, al presidente della Commissione Sanità Raffaele Topo al capogruppo Pd in Consiglio regionale, Mario Casillo e alla consigliera regionale Pd Antonella Ciaramella, per chiedere un intervento finalizzato alla riapertura del presidio sanitario locale. La richiesta è stata sottoscritta anche dai consiglieri comunali Agostino Casillo e Antonio Borriello.



«La chiusura del presidio Asl dovuta all’inadeguatezza dei locali di via Ceschelli si è trasformata nella permanente assenza del servizio di assistenza sanitaria a causa del totale disinteresse dell’amministrazione comunale nella ricerca di locali sostitutivi. I costi di tale negligenza sono ricaduti, come sempre, sui cittadini appartenenti alle categorie più deboli e che più di tutti come forza di centrosinistra vogliamo tutelare. Il diritto alla salute è un diritto inviolabile e, oltre che teoricamente, deve concretamente essere assicurato», dichiara Giuseppe Cozzolino, segretario Pd.

«L’amministrazione Catapano ha volutamente ignorato il problema Asl, affermando che il presidio è inutile – prosegue Antonio Borriello, consigliere comunale – Noi crediamo invece che un presidio sanitario pubblico sia essenziale per garantire il diritto alla salute, soprattutto per le fasce più deboli della popolazione. Per questo chiediamo l’apertura di un tavolo operativo tra Comune, Asl e Regione affinché si trovino le risorse necessarie per realizzare a San Giuseppe Vesuviano una struttura con nuovi servizi ed ambulatori specialistici a disposizione dei cittadini, dai bambini agli anziani. È fondamentale che il primo passo sia fatto dall’amministrazione comunale, che deve porsi a difesa dei diritti dei cittadini. Al contrario, finora abbiamo registrato l’assoluto disinteresse della Giunta Catapano, che ha preferito anteporre l’interesse politico al bene comune. Per questo facciamo appello al presidente De Luca ed alle istituzioni regionali affinché possano intervenire per porre fine ad un’emergenza non più sostenibile».

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE