I carabinieri avevano fatto irruzione per trovare delle armi, ma poi anche grazie all’ausilio dei cani antidroga del Nucleo Cinofili di Sarno, hanno rinvenuto – disseminati lungo l’abitazione – circa 15 grammi di marijuana che erano stati sparsi in tutta probabilità per evitare che ad un controllo venisse trovato tutto. Invece, grazie all’intuito dei carabinieri della stazione di Poggiomarino, i “fedeli” militari dell’Arma di Sarno sono riusciti a rinvenire gli stupefacenti in ogni nascondiglio scelto.

A finire nei guai sono stati una madre di 42 anni ed i figli di 19 e 17 anni che sono stati denunciati a piede libero con l’accusa di detenzione e spaccio di droga. Si tratta di M.V., la donna, mentre il figlio maggiorenne risponde al nome di B.D.A., tutti residente nella località poggiomarinese in via Saporito. Inoltre, il più grande dei due ragazzi ha come capo d’imputazione anche il possesso di arma, visto che è stato trovato munito di una pistola a salve a cui era stato però rimosso il tappetto rosso. Il giovane, alla richiesta dei carabinieri agli ordini del maresciallo Andrea Manzo, ha immediatamente consegnato “la bocca di fuoco” che custodiva in salotto.

A quel punto è poi partita una vera e propria “caccia al tesoro” per rinvenire la marijuana ed i soldi in contanti considerati provento dell’illecita attività. In particolare, in un mobile in cucina è stato trovato un bilancino di precisione attraverso cui vengono preparate le dosi; nella camera da letto della mamma, all’interno di un portagioie, erano custoditi quattro grammi di “erba” e la somma di 100 euro; una dose già “imbustata” si trovava invece sotto al letto del figlio minorenne, e lo stesso è stato poi costretto a consegnare alle forze dell’ordine la chiave di una cassaforte che aveva nel marsupio: all’interno c’erano altre 300 euro.

Inoltre, altre due grammi di marijuana sono stati rinvenuti in un comò situato nella casa di via Saporito; e ancora altre due dosi erano poco sopra al camino, su una mensola. Sotto al divano del soggiorno, i cani antidroga hanno trovato ancora alcuni grammi di sostanze, mentre poco distante c’erano delle munizioni già esplose. Infine, l’ultimo ritrovamento, ma solo di soldi è stato effettuato sotto ad un pianoforte che la famiglia ha in salone. Naturalmente droga, armi e contanti sono stati sequestrati, e per la mamma e i due figli ci sarà adesso il processo per i reati che gli vengono contestati.