Tre mesi sono quelli certi per l’interruzione, ma il rischio è che si possa arrivare anche a 5 mesi anche se le imprese appaltatrici dell’Anas proveranno a fare di tutti per riuscire ad aprire almeno una corsia nel giro di cento giorni circa. Tuttavia, i manifesti Anas che sono apparsi lungo le città di Somma Vesuviana e Ottaviano non lasciano ben sperare.

Sui percorsi alternativi che porteranno migliaia di auto e mezzi pesanti al giorni tra le vie interne, infatti, già da ieri ci sono numerosi manifesti che annunciano la chiusura della Statale 268 dal 5 giugno, così come inizialmente previsto, ma fino al 5 novembre. Insomma, si teme che la “superstrada della morte” non possa tornare fruibile a settembre come promesso.

Tuttavia dall’Anas fanno sapere che quello di 5 mesi è il termine massimo posto per la riapertura del tratto tra Somma Vesuviana e Ottaviano Zona Industriale e che si lavorerà con forte impegno per consentire quantomeno il senso alternato per l’inizio delle scuole di settembre.