“Arte al servizio del paziente”, a Striano nasce la galleria di mosaici nello studio del medico


1038

Possono la medicina e l’arte dar vita ad un connubio che serva ad offrire un po’ di ristoro e di sollievo non solo al corpo ma anche all’animo dei pazienti e dei malati? La risposta è con molta probabilità positiva. E in virtù di ciò è nata una singolare, quanto lodevole iniziativa, promossa da un medico di base e da un suo assistito. Si tratta di una sorta di galleria d’arte esposta all’interno di uno studio medico, quello del dottor Francesco Trippa di Striano.



L’artista Antonio Lanzetta con il medico Francesco Trippa

Noto professionista in paese, impegnato in passato nella vita politica locale come consigliere comunale, Trippa si è da poco trasferito per svolgere la sua attività di medico di famiglia in locali nuovi, accoglienti ma anche un po’ spogli, con le pareti del suo studio di un color bianco candido e forse “troppo medico”. Francesco Trippa ha tra i suoi assistiti anche Antonio Lanzetta, noto artista dell’area vesuviana e non solo, che realizza da anni splendidi mosaici e quadri con tecniche miste, dall’acrilico su tela a pietruzze, cereali, frammenti di vetro, miscelati e incastonati tra loro, per realizzare uniche, colorate e apprezzate opere d’arte.

Quale buona occasione dunque per ravvivare le pareti bianche dello studio medico e rendere l’ambiente e la sala d’attesa più colorati e accoglienti per gli assistiti? Ecco allora che da alcuni giorni si possono ammirare i quadri del maestro Lanzetta esposti all’interno dello studio medico che si presenta al pubblico come una galleria d’arte.

«Tutto ha preso vita dall’idea che recarsi dal medico è un momento di attesa per i pazienti, spesso condito da tensione e preoccupazione, se si pensa al proprio stato di salute, se occorre sottoporsi ad una visita, o bisogna attendere il responso di esami clinici – spiegano Trippa e Lanzetta – Trovarsi in un ambiente dove si è circondati da quadri e mosaici, che attirano per profondità del messaggio, vivacità, ritmo e dinamica dei colori, se non guarisce da un malanno o una patologia, quanto meno può rinfrancare l’animo e i pensieri di un paziente».

Del resto titoli di opere come “L’albero del Tempo”, “Primavera”, “l’Attesa”, “Emozioni”, “Voglia di tenerezza”, “Maternità”, “Crononauta”, trasmettono gioia e positività, già solo con le parole, figuriamoci alla vista. Gli assistiti del dottor Trippa nel frattempo pare abbiano apprezzato molto un’iniziativa, a costo zero, che proseguirà fino a fine maggio, quando le opere del maestro Lanzetta si trasferiranno, momentaneamente, per partecipare ad una kermesse artistica che si svolgerà a Benevento.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE