Pasqua è ad un passo e nelle grandi occasioni, come succede da almeno due anni a questa parte, Pompei resta e aumenta il proprio status di obiettivo sensibile per la grande mole di turisti attesi sia agli Scavi che al Santuario. La prefettura ha dunque deciso di rafforzare le difese della città mariana contro i temuti attacchi dell’Isis e dei fondamentalisti islamici.

E controlli, in tal senso, si stanno effettuando in questo periodo anche nelle città limitrofe dove è importante la presenza di cittadini di fede islamica. In particolare si tratta di semplici strumenti di prevenzione e nulla più. Sono stati in tal caso aumentati i posti di blocco nelle località di Terzigno, Poggiomarino e Ottaviano che ospitano molti maghrebini rispetto alle altre località limitrofe, mentre nella stessa Pompei ci saranno continue bonifiche di aree a rischio come cestini dei rifiuti e siepi, oltre ad un maggiore dispiegamento di uomini.