Serie D, stangata sul Pomigliano: arrivano i carabinieri per placare le proteste, ecco le squalifiche


735

Lascia pesanti strascichi la partita di Serie D persa nel weekend dal Pomigliano in casa contro l’Aversa Normanna. Una battuta d’arresto di cui è stato accusato l’arbitro con proteste veementi fino a rendere necessario l’intervento dei carabinieri. Ecco le decisioni del giudice sportivo di Serie D: Multa di euro 1.800 al Pomigliano per avere, nel corso del secondo tempo, persona non identificata ma riconducibile alla società rivolto espressioni offensive all’indirizzo del portiere avversario.



E ancora al termine della gara, altre due persone non identificate ma riconducibili alla società si avvicinavano con atteggiamento minaccioso all’arbitro e gli rivolgevano espressioni intimidatorie e gravemente ingiuriose, reiterando la propria condotta anche nell’area antistante lo spogliatoio arbitrale, dopo averne indebitamente aperto la porta. I medesimi ostacolavano l’accesso agli spogliatoi dell’Osservatore arbitrale e gli rivolgevano espressioni intimidatorie rendendo necessario l’intervento delle forze dell’ordine. Sanzione determinata in considerazione della recidiva e della mancanza d’intervento da parte dei dirigenti della società.

Inoltre c’è l’inibizione a svolgere ogni attività fino all’8/ 5/2017 a Violante Salvatore del Pomigliano per avere rivolto espressioni irriguardose all’indirizzo dell’arbitro e la squalifica per due gare effettive di Seno Biagio, allenatore del Pomigliano, per essere uscito dall’area tecnica rivolgendo, a voce alta, espressione offensiva all’indirizzo del direttore di gara. Certo, non un bel comportamento in generale, anche se figlio di un arbitraggio davvero molto discutibile.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE