È stato braccato e sorpreso nella tarda serata di ieri nel cuore del rione Rossilli a San Giuseppe Vesuviano, dove era uscito allo scoperto nel tentativo di incontrarsi con un suo amico dopo essersi reso a lungo irreperibile. Ed è stato proprio in quel momento che i carabinieri della locale stazione, agli ordini del maresciallo Giuseppe Sannino, lo hanno bloccato e stretto le manette intorno ai polsi.

È costata cara, insomma, la visita al connazionale da parte Ali Haydar, 22enne bengalese ricercato da mesi dopo un ordine di carcerazione emesso dalla procura di Nola ai suoi danni: il giovane è stato infatti condannato per i reati di estorsione ed evasione. I militari dell’Arma lo hanno atteso a lungo in via Rossilli, area molto frequentata dalla comunità locale del Bangladesh e sono riusciti a stringergli le manette intorno ai polsi. Haydar si trova adesso nel carcere di Poggioreale.