A nove mesi di distanza dal presunto caso di malasanità la perizia medica non è ancora arrivata. A denunciarlo sono i familiari del maresciallo del carabinieri in congedo, Pietro Apuzzo, di Pompei. A parlare del caso è il quotidiano Roma in edicola questa mattina. I figli dell’uomo parlano della perizia legale che doveva essere depositata entro 90 giorni e che invece non è ancora arrivata.

Il maresciallo era stato ricoverato a Napoli per un intervento di routine dovuto ad alcuni polipi da asportare al colon, ma secondo quanto affermato dai familiari, Apuzzo sarebbe deceduto per un’infezione contratta proprio all’interno del nosocomio al termine di 32 lunghi giorni di calvario.